19 Aprile

Rilevamento delle Barriere Architettonica sul territorio In evidenza

Scritto da 
Sant’Anastasia - Mattinata intensa per il Presidio Zonale Uici in seno al Progetto Alternanza scuola-lavoro con gli studenti del Liceo Scientifico “Torricelli” di Somma Vesuviana.
L’attività in programmazione ha previsto il rilevamento delle Barriere Architettoniche sul territorio anastasiano da parte degli studenti, coadiuvati dal Team Uici di Sant’Anastasia. 
Il percorso è stato inaugurato da un meeting tenutosi presso la sala Consiliare del Comune; sono intervenuti l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Bruno Beneduce, il Responsabile del Presidio Uici, Giuseppe Fornaro, la Docente e Coordinatrice del Progetto (per il Presidio Uici) Sandra Minichini, l’Architetto Ciro Di Costanzo, i quali hanno spiegato ai giovani studenti cos’è una barriera architettonica e soprattutto, è stato messo in evidenza che questa è il risultato dell’inciviltà degli uomini.
Gli studenti sono stati divisi in due gruppi, ad ogni gruppo è stata assegnata una zona dove rilevare le barriere presenti, le quali sono state fotografate al fine di realizzare una mappatura per poi procedere con un’opera di “risanamento” da parte dell’Amministrazione.
L’attività è stata ben strutturata, infatti, all’interno dei due gruppi che hanno percorso due zone diverse, erano presenti due disabili affetti da differenti disabilità: motoria e sensoriale. 
Il senso di tale scelta è facilmente intuibile: la presenza di due differenti disabilità ha permesso il rilevamento, nonché la constatazione pratica, di più barriere architettoniche; questo ha mostrato ai componenti dei gruppi che, spesso, una barriera architettonica è un ostacolo per una disabilità ma non per un’altra. 
Questo è stato il primo incontro dei quattro in programma ed al termine verrà presentata una relazione al tavolo comunale istituito per i PEBA.
"Si spera si provvedi con lavori di ristrutturazione e di abbattimento delle barriere. Ringrazio - dice Giuseppe Fornaro - gli studenti coinvolti nel Progetto Alternanza scuola-lavoro, i quali hanno preso parte all’attività con estremo entusiasmo  e attiva partecipazione, lasciandoci molto sorpresi...perché forte era il loro coinvolgimento, la loro curiosità e voglia di comprendere assumendo una condotta che mai si direbbe di ragazzi così giovani: disciplinati, educati e diligenti. 
Grande è la nostra responsabilità...ogni volta che si contribuisce alla formazione di un individuo si è investiti da una responsabilità...ma, altrettanto grande sarà la nostra felicità e soddisfazione nell’apprendere che, avremo (lo speriamo) contribuito a creare delle “sane coscienze civili”. 
 
Il Direttore - Giuseppe Piscopo
Letto 198 volte Ultima modifica il Martedì, 19 Giugno 2018 15:04
Vota questo articolo
(1 Vota)
Devi effettuare il login per inviare commenti