Spettacolo

Spettacolo (10)

20 Settembre

QUALE RAPPORTO TRA GENITORI E FIGLI?

Sant’Anastasia – Una serata dedicata all'ascolto, alla lettura, alla cultura, alla famiglia, alla comunità. Questa sera alle ore 20:00, in piazza Siano, si terrà la nuova edizione della “Notte di lettura” dal titolo “Genitori e figli”. Un evento voluto ed organizzato dall'assessorato alla cultura dell'Ente, che tende a mettere in rilievo una delle questioni che investono in particolare i più giovani: il variegato rapporto con i genitori.

E il regista dott. Luigi De Simone l'ha affrontato in modo tale da renderlo piacevole e scorrevole, puntando proprio sui più giovani dell'Associazione Culturale Gruppo Teatrale Ioucundi, coinvolti appieno nelle letture.

Piazza Siano, centro di cultura per una notte, vedrà sul palco alternarsi letture di brani e di esperienze, musica ed artisti di spessore come Antonio Merone, il tutto per approfondire in quattro momenti il rapporto genitori-figli: il primo, per interrogarsi in generale sulle problematiche dei giovani e dei loro genitori, il secondo per affrontare il tema della serata, in particolare i desideri dei giovani, l’amicizia, l'amore, le difficoltà, i rapporti; nel terzo momento è previsto lo spaccato sulle famiglie separate, sulle famiglie in difficoltà di rapporto, di comunicazione, di disagio, l'essere genitori e le possibili sofferenze di ciascun genitore; nel quarto ed ultimo ecco la speranza. Cosa un genitore desidera ottenere dai figli? Quali le attese dei giovani genitori? Come ogni genitore vede se stesso nel rapporto coi figli?

Tutto è nato dai più giovani della nostra Associazione, che si sono posti tanti perché ed hanno voluto parlare ed affrontare il tema del rapporto genitori-figli. Questa edizione della Notte di lettura non avrà testi letterari da porre in ascolto – spiega Luigi De Simone - ma aspetti del tema trattati nella saggistica ed anche le esperienze che vengono lette non sono esperienze del lettore, ma sono esperienze scelte dai saggi. Sarà una serata che avrà momenti forti, intermezzi canori e musicali, lancerà messaggi, porterà ad interrogarsi ed a riflettere”.

La cultura è vita, leggere insieme ed approfondire saggi su argomenti come il rapporto genitori/figli è importante per tutti perché è un tema sempre attuale – dice l'assessore alla Cultura, Carmen Aprea – che ha posto e pone tanti interrogativi. La notte di lettura è un incontro, un'occasione per ampliare le proprie vedute, per risvegliare le coscienze nonché far crescere e coltivare il fermento culturale del paese, in special modo tra i giovani”.

Abbiamo fortemente voluto la Notte di Lettura ed abbiamo condiviso la scelta del tema “genitori-figli” perché è una problematica molto attuale. Sarà una serata culturale, segno tangibile della sensibilità dell'Amministrazione, che ha puntato e punta sulla cultura, in questo caso per indurre alla riflessione ed a vivere i valori in famiglia, per socializzare e crescere insieme. Oggi più che mai - dice il sindaco Lello Abete - si tocca con mano la difficoltà del rapporto genitori-figli, noi lo affrontiamo con serietà tutti i giorni nel rapporto con vari genitori e la serata che vivremo giovedì prossimo vuole essere anche un momento di approfondimento, una serata magica che potrà arricchire i partecipanti della speranza per un futuro migliore”.

Il Direttore - Giuseppe Piscopo 

 

 

 

 

Sant’Anastasia – Piazza Trivio è stata teatro sotto le stelle, con un teatro giovane e di qualità offerto dalla 29enne Compagnia Teatrale “La Caccavella”, con la serata del 2 Agosto 2018.

Patrocinato dal Comune di Sant' Anastasia, la proposta approvata dall’assessore alla cultura Carmen Aprea, denominata ''Metti una sera a teatro sotto le stelle”, lo spettacolo gratuito di varietà con sketch, canti teatrali e poesie ha raccolto giovani e famiglie intorno al palco.

Ottima la prestazione dei protagonisti Pasquale Castaldo, Antonella Maione, Antonio Chirollo, Annarita De Simone, Pasquale Millo, Luciana Alaia, Luisa Pavone e Mariano Sdino.

Le musiche eseguite dal Maestro Raimondo Lippelli, luci e fonica fornite dalla ditta Music Service di Vincenzo Sorrentino di Pollena Trocchia, le acconciature di Assunta Alaia, il Cineoperator Sebastiano Coppola, per la regia di Imma Maione e Peppe Del Prete, Direttore Artistico, hanno reso lo spettacolo al di sopra delle aspettative della stessa Compagnia “La Caccavella”.

Una Compagnia Teatrale fondata nel 1991 dai coniugi Giuseppe Del Prete e Imma Maione, entrambi registi, e successivamente costituita in Associazione Culturale.

Negli anni ha visto avvicendarsi sulle scene molti giovani avvicinatisi a Peppe Del Prete, collega dipendente comunale ed alla moglie Imma Maione, presidente, per recitare e, soprattutto, come ama dire il Direttore Artistico, per imparare a stare bene insieme e costruire rapporti solidi di amicizia.

La Caccavella è intesa come lo strumento musicale, a significare un contenitore di allegria. Nel corso di questi anni abbiamo operato con l'intento di diffondere la cultura e lo spettacolo a livello teatrale sempre con tanta allegria – dice Peppe Del Prete - non solo nel territorio di Sant’Anastasia, ma anche in altre località ove siamo stati chiamati, in alcune occasioni a scopo di beneficenza. Fra gli ultimi lavori vi ricordiamo “Il Settimo si riposò, Annella 'e Porta Capuana, ‘A mamma è semp’ ‘a mamma, Pegg 'e chest nun po’ gghì”. Quindi sempre più qualità”.

Anche quest'anno l'evento è stato patrocinato dal Comune di Sant'Anastasia, che ancora una volta ha creduto in un'iniziativa della giovane associazione.

“Abbiamo ospitato in piazza Trivio un evento che meritava di essere visto per la valorizzazione dell'arte che i fondatori dell’associazione hanno perseguito fino ad oggi – dice il Sindaco Lello Abete – coinvolgendo giovani e meno giovani nelle varie commedie messe in scena. Ed è stata sicuramente una bella serata, gustata dai tanti presenti”.

Giuseppe Piscopo - direttore

PREMIO FRANCO ANGRISANO 

CONCORSO NAZIONALE TEATRALE

Sant’Anastasia – Na – Vince Anna Charlotte Barbera.

Un'impeccabile interpretazione, con tanto di colpo di pistola e tanti “nooo” del pubblico che forse immaginava il peggio, una presenza scenica superba, un'espressività coinvolgente, un finale a sorpresa che sfocia nel sorriso e nell'applauso della platea dell'Aula consiliare di Palazzo Siano.

Sant'Anastasia (NA) – Ad appena 13 anni, Alessandra B. è entrata nella Top Five YAGP della danza come solista, presentando alla giuria internazionale una storia di donna che si ribella ai disagi subiti contro la parità di genere. Commuove, emoziona e non si limita a raccontare la storia, ma la arricchisce di passi di danza, figure ed espressività contagiosi per gli spettatori, meritando così l'ambito traguardo.

L'allieva anastasiana dell'Accademia Danza e Spettacolo, diretta da Barbara Scaramuzzi, ha partecipato alle semifinali 2017 dello Youth America Grand Prix, tenutesi a Barcellona, entrando tra i possibili candidati alle finali.

Youth America Grand Prix (YAGP) è annoverata tra le più grandi reti mondiali di danza. Svolge la sua missione di educazione alla danza attraverso audizioni con borse di studio, corsi di perfezionamento, servizi di alunni, attività educative e di divulgazione, spettacoli e film. Sostenendo lo sviluppo di ballerini a livello mondiale, di età compresa tra 9 e 19 anni, di tutte le provenienze economiche, etniche e geografiche offre opportunità di affermazione collegando studenti, insegnanti, scuole, compagnie di danza e ballerini.

Il giovane talento Alessandra B. si è cimentata come solista di danza contemporanea nel presentare un tema attuale, la parità di genere, dimostrando di essere una ballerina in armonia col proprio corpo ed a proprio agio nel raffigurare la donna ribelle alla violenza.

Sono contento perché questi giovani talenti, che riescono ad emergere, portano Sant'Anastasia fuori confine. I miei complimenti ed in bocca al lupo a questa giovinetta – dice il sindaco Lello Abete – e spero che possa avere una carriera degna del suo talento. A gennaio prossimo ci sarà una iniziativa in cui si esibirà ed avremo modo di apprezzare le sue doti artistiche”.

Il direttore - Giuseppe Piscopo

 

NEL CHIOSTRO DEL SANTUARIO, IN S.M. LA NOVA, AL BORGO

Sant’Anastasia – L'associazione musicale e culturale PMC music recording studio, presso il Santuario di Madonna dell'Arco - chiostro e aula polifunzionale "San Giovanni Leonardi" - allieterà le festività natalizie con un programma dal titolo: "Natale sotto l'Arco".

La Sig.ra Maria Porritiello, legale rappresentante dell'associazione (senza scopo di lucro), con sede legale in Sant'Anastasia alla via Antonio De Curtis, ha richiesto all'Ente il patrocinio, l'utilizzo del palco comunale, nei giorni 6 e 7 gennaio 2018, per la realizzazione degli eventi dell'Epifania, ed un contributo economico.

Gli eventi si terranno nei mesi di dicembre 2017 e gennaio 2018 secondo il seguente calendario:

  • venerdì 8 dicembre - Aula Polifunzionale - coro "Blue Singers Gospel" - 40 elementi diretti dal maestro Mario Paduano.

  • domenica 17 dicembre - Aula Polifunzionale - concerto di Raffaella Carotenuto "In...canti di Natale".

  • 1 gennaio - Aula Polifunzionale - concerto di Capodanno, con artisti locali e la partecipazione del priore del Santuario. E' previsto un ospite d'eccezione del panorama partenopeo.

  • sabato 6 e domenica 7 gennaio – Chiostro- spettacolo "Epifania nel chiostro", canti ed animazione a cura di "Casa e Bottega" - direzione artistica PMC.

La Giunta Comunale, su proposta dell'ass. alla cultura, Carmen Aprea, ha concesso quanto richiesto ed un contributo economico di € 2.000,00 apprezzando il programma e la scelta della struttura del complesso mariano quale giusta cornice per eventi culturali, musicali e tradizionali.

Per l'occasione è stato editato dalla PMC un CD dal titolo "Quando l'amore diventa poesia", la cui promozione e vendita avrà scopo benefico.

Altri eventi e proposte di associazioni sono state oggetto di deliberazioni della Giunta:

  • 8 e 10 dicembre – Festeggiamenti Maria SS. Immacolata – processione

  • 10 dicembre – Commedia “Maje cchiù nera...” - Cineteatro Metropolitan

  • 16 dicembre – Concorso nazionale di poesia “Città di Sant'Anastasia”

  • 24 dicembre – Presepe vivente – Borgo S. Antonio

  • 29 dicembre - Festeggiamenti di Natale – Concerto in Santa Maria La Nova

Al programma potrebbero aggiungersi altri eventi proposti ed accolti dall'Ente, che intende celebrare le festività natalizie con musica, teatro e spettacoli adatti a tutti.

Il direttore - Giuseppe Piscopo

 

 

 

 

 

parte dei ricavi destinati al recupero della Congrega

Sant’Anastasia – NA – Con un programma di sei serate da scoprire, composto da 4 film tutti italiani (di cui due napoletani) di recentissima uscita, a partire dal 24 novembre avrà inizio la rassegna “Cineforum Metropolitan 2017-2018”. Altri due film compresi nell'evento saranno scelti dalla platea in sala, tra un ventaglio di proposte avanzate a cura dell'organizzazione.

Il gruppo di sole donne che fa il giro del mondo trasmettendo messaggi di amore e fratellanza sale sul palco del Metropolitan di Sant’Anastasia per un serata all’insegna della bellezza della musica e dell’anima.

CONCERTO ACUSTICO AL METROPOLITAN

Sant'Anastasia (NA) – Provenienti da 14 nazioni, 21 artiste canteranno la vita-umanità, la speranza di una vita che per loro è già realtà e può esserlo per tutti, di una luce da sempre accesa in ciascuno, una luce che accomuna e può cambiare il mondo, rovesciandone le attuali sorti e proiettandolo verso la fraternità universale.

Una fraternità, aspirazione di popoli annunciata da millenni, scritta nelle Costituzioni e ancora oggi non pienamente realizzata, che la band Gen Verde International Perfoming Arts Group metterà al centro del suo messaggio al pubblico del Metropolitan di Sant'Anastasia, nel corso del concerto acustico organizzato dall’associazione Focus focolari e patrocinato dall'Ente, in programma martedì 30 maggio alle ore 20,30.

La vita LIVE”, titolo del concerto acustico, offre un viaggio tra le canzoni più belle del Gen Verde, che certamente danno la dimensione artistica di una band di donne affiatate, preparate, unite, impegnate nel sociale. 

Laddove il mondo sembra disgregazione, divisione, caduta dei valori, le Gen Verde cantano unità, solidarietà, comprensione, amore.

E le parole, le storie arrivano al pubblico, facendo facilmente comprendere come dalla loro vita stessa nasce la certezza nel credere ad una rivoluzione possibile, che parte dall’impegno di ciascuno nel proprio quotidiano. 

La musica ed il canto, i talenti, gli stili pop, rock in versione unplugged, reggae, etno music, K-pop e musica latina, il loro modo d’essere gioiose, di proiettarsi nel pubblico, con ciascuno, sono elementi che le distinguono da altre band, ma non sono i soli. 

Il di più delle 21 artiste è l’atmosfera che sanno creare, il vuoto che riempiono con la loro proposta di rivoluzionare il mondo e farlo andare controcorrente verso la fraternità, con nuove idee, nuova cultura, nuova vita.

E’ un evento, il concerto acustico “La vita LIVE”, molto atteso a Sant’Anastasia dai giovani e dalle famiglie che si sono mossi da tempo ed infatti i posti ancora disponibili al Metropolitan sono esigui, per cui gli organizzatori invitano a comunicare a breve le adesioni.

"Abbiamo con entusiasmo contattato vari potenziali sponsor - dicono Gennaro e Annamaria Ciccarelli, responsabili dell’ass.ne Focus focolari - puntando a far cogliere il messaggio che la band Gen Verde lancia al pubblico, un messaggio di fratellanza. Gli sponsor ne hanno condiviso i valori ed hanno contributo come possibile e di questo li ringraziamo".

Non credo di esagerare nell’affermare che è un concerto da non perdere – dice l’assessore alla cultura Carmela Aprea – e da ascoltare con libertà di pensiero e col cuore aperto. Abbiamo tanti esempi di donne impegnate che hanno lasciato il segno, sono certa che le ragazze del Gen Verde lasceranno vari spunti da meditare per migliorare la comprensione del valore della reciprocità”.

Giuseppe Piscopo - direttore   

Nota di approfondimento: 

Gen Verde: 50 anni di ricerca artistica e impegno per un mondo unito 

21 artiste di 14 Paesi compongono il Gen Verde International Performing Arts Group, nato 50 anni fa presso il Centro internazionale di Loppiano, laboratorio multietnico e multiculturale che oggi conta 900 abitanti di oltre 60 Paesi. Tutto è cominciato con una batteria verde, al Centro internazionale di Loppiano, nel dicembre 1966. Un regalo inconsueto nelle mani di un gruppo di ragazze che, solo a guardarle in faccia dicevano mondialità e voglia di cambiamento. Quello strumento è diventato il simbolo di una rivoluzione permanente in cui musica e talenti condivisi e offerti sono diventati strumenti privilegiati per contribuire a realizzare un mondo più unito e fraterno. Il Gen Verde ha portato in piazze, teatri e stadi del mondo oltre 1.400 spettacoli ed eventi, realizzato centinaia di tour e prodotto 67 album in 9 lingue. Ad oggi sono 145 le cantanti, musiciste, attrici, tecnici, danzatrici che hanno fatto parte del Gen Verde, il cui apporto professionale ha dato vita a produzioni artistiche diversificate, i cui generi spaziano dai concerti live al musical, per non dimenticare l’attività didattica e formativa rivolta ai giovani, attraverso workshop e corsi specifici. Inoltre sono molti i contatti con artisti di tutto il mondo che contribuiscono costantemente ad aprire orizzonti e collaborazioni inedite.

 

 

Sant’Anastasia – Na – Sabato 27 e domenica 28 maggio 2017 a partire dalle ore 10,00 la Scuola di Teatro, sita in via M.T. Di Calcutta, 38 (edificio scolastico Portali), con ingresso libero, si è tenuta la fase conclusiva del Premio Teatrale Nazionale "Franco Angrisano" - nell'ambito della XXV Rassegna Sant'Anastasia Arte e Spettacolo – dedicata ai Corti di Teatro monologhi per prova di attore.

Un'apposita giuria valuterà i “corti” degli artisti partecipanti al fine di assegnare l'ambito premio.

L'importanza del premio, giunto alla 22esima edizione, è stata sottolineata dall'Amministrazione, che già nel 2002 lo ha istituzionalizzato, quale evento culturale di rilievo, ma soprattutto dai numerosi attori ed artisti celebri che negli anni hanno ricevuto il premio Angrisano.

Nel corso della due giorni è stata evidenziata la motivazione del premio Angrisano, nato come riconoscimento al suo percorso artistico ed all'attenzione rivolta soprattutto ai giovani che si avvicinano all'arte del teatro.

Il Premio Nazionale Teatrale “Franco Angrisano” andrà alla sezione Corti di teatro, cioè alla miglior prova d'attore fra i monologhi presentati della durata massima di dieci minuti; alla sezione scolaresche, alla sezione Imprenditoria dello Spettacolo ed alla sezione di Attori della nuova generazione.

Non appena la Giuria completerà la valutazione delle prove d'attore, sarà programmata la serata finale per l'assegnazione del premio Angrisano, che lo scorso anno vide premiata Maria Claudia Pesapane.

Ospite d'eccezione nella serata di sabato scorso l'attrice Chiara Baffi, che ha potuto assistere ad alcune prove di attori partecipanti ai corti di teatro ed ha ricevuto la targa per la Rassegna Sant'Anastasia Arte e Spettacolo consegnatale dall'ass.re Fernando De Simone.

L'artista si è diplomata alla scuola “Professione cinema” diretta da Roberta Poiani – Roma, insegnanti: Giulio Scarpati, Nora Venturini, Silvia Luzzi, Giovanna Mori, Nicola Romano. Studia, poi, mimo corporeo diretta da Michele Monetta – Napoli – e frequenta tantissimi laboratori artistici.

Attrice cinematografica (2008-2015), è tra i personaggi della riuscita serie televisiva La Squadra (2002-2007) e del Varietà Viviani, oltre a tante esperienze teatrali.

Pluripremiata, annovera per lo spettacolo “Chiòve“ il Premio Olimpico 2009 come “miglior spettacolo d’innovazione“ e il Premio dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro 2008 come “miglior spettacolorivelazione“.

 Giuseppe Piscopo - direttore