19 Gennaio

Campione del mondo di Kickboxing a 18 anni, una targa al Sindaco In evidenza

Scritto da 

L'atleta si afferma ai K1 di Firenze

 

Sant'Anastasia – Campione del mondo di Kickboxing ad appena 18 anni!

Domenico Esposito, atleta anastasiano per la categoria 80Kg Light, ha combattuto per il titolo a Firenze, nella 3 giorni di K-1 OPEN 2017 ed ieri ha consegnato al sindaco Lello Abete una targa ricordo.

L'ufficiale K-1 World Amateur Championship, Federazione Fight 1, sorprendente per agonismo e spettacolarità, ha visto consegnare la medaglia di bronzo per la categoria 67Kg Light ad un altro atleta locale, Michele Liguoro.

Il neo-campione mondiale Domenico Esposito è allievo della Cocoon fitness club, di Anna Porricelli, una realtà locale che si è sempre distinta per la multidisciplinarietà e la specificità di alcuni indirizzi sportivi.

Il Campionato Mondiale Amatoriale K-1 OPEN, tenutosi a Firenze dall'8 al 10 dicembre scorso, ha offerto alle varie categorie di atleti partecipanti l'opportunità di vincere un vero e proprio titolo K-1 Amateur World e allo stesso tempo di essere visionati dai più importanti promoter, manager e scout che, in queste competizioni a livello mondiale, cercano talenti ed eventuali future stelle del K-1.

L'atleta anastasiano, allenatosi per continuità della preparazione anche nella palestra “Animal Kingdoom”, ha partecipato al K-1 OPEN battendosi su uno dei quattro ring appositamente allestiti per l'evento e il 9 dicembre 2017 ha affrontato in semifinale un atleta greco, battendolo ai punti in tre riprese di due minuti con verdetto unanime dei tre giudici internazionali.

Il dieci dicembre, ultimo giorno dell'evento, dopo una lunga e snervante attesa, alle 19,00 circa è stato annunciato l'incontro per la finale, che ha visto battersi due italiani. Partito già forte nelle prime due riprese, l'atleta anastasiano, guadagnando il centro del ring, ha attaccato l'avversario con determinazione, concedendogli poco o nulla da controbattere. La terza ripresa è stata soprattutto una fase di gestione ed al suono del gong la vittoria era già nell'aria. La decisione dei giudici è stata rapida ed unanime: campione del mondo nella categoria 80Kg Light è stato proclamato Domenico Esposito.

Studente di ragioneria con profitto al Pacioli (quest'anno ha la maturità), l'atleta è stato “curato” fin dal 2014 dal M° Luigi Ercole, coadiuvato dal M° Roberta Ioime - che si occupa in particolare delle atlete - e, dopo un percorso fatto non solo di allenamenti ma anche di cura della crescita personale in vari aspetti, raggiunto il peso degli 80kg, ha affrontato i primi match.

Il campionato era “Open”, cioè rivolto anche ad atleti formatisi in palestre private, e, quindi, è immaginabile la nostra sorpresa e soddisfazione insieme nell'apprendere da Domenico che era deciso a partecipare al campionato mondiale. Questa sua volontà, unita al grado di preparazione a cui era arrivato ed alla maturità fisica e tecnica acquisita – rivelano i maestri Luigi Ercole e Roberta Ioime – ci hanno convinto a lasciarlo tentare l'avventura del mondiale di Firenze, non nascondendogli tutte le difficoltà della competizione. Sinceramente non è stata una sorpresa per noi vederlo combattere con il giusto agonismo fin dal primo round ed abbiamo “contato e annotato” i colpi andati a segno, per cui abbiamo potuto frenarlo nel terzo e ultimo round, che lo ha portato sul podio mondiale”.

Sono felice ed orgoglioso e dedico la vittoria ai miei maestri. Certo non pensavo di raggiungere questo prestigioso traguardo così presto e devo ringraziare la mia famiglia, che mi ha incoraggiato fin dall'inizio. A dire il vero è papà che ha sostenuto la mia scelta della disciplina sportiva del Kickboxing, che, tra tanti sport di cui ero appassionato e seguivo in TV, mi ha sempre affascinato, sia per la bellezza dei gesti tecnici sia per la completezza. Un altro grande ringraziamento – dice Domenico Esposito - va ai miei maestri, che mi hanno sempre accompagnato durante la mia crescita sportiva e, soprattutto, mentale. Devo a loro, ad esempio, la mentalità di dover gestire il match, come ho fatto nella terza ripresa della finale, perché affondando di più i colpi avrei rischiato punti di penalità ed un'eventuale squalifica. Sono stato lucido e disciplinato nell'ascoltare i consigli del mio angolo. E' stata una vittoria mia, ma anche del nostro team Ercole”.

E' un orgoglio per me – commenta il sindaco Lello Abete – sia come amministratore che da cittadino avere delle eccellenze in paese, che portano Sant'Anastasia oltre i confini italiani e si affermano, come il nostro giovanissimo atleta, a livello mondiale. Talenti di questo spessore vanno accompagnati con un in bocca al lupo da parte nostra, che guardiamo con attenzione e ottimismo alle crescita della comunità”.

Giuseppe Piscopo - Direttore

 

Letto 521 volte Ultima modifica il Venerdì, 19 Gennaio 2018 09:17
Vota questo articolo
(1 Vota)
Devi effettuare il login per inviare commenti