All for Joomla All for Webmasters

Sant’Anastasia – Un “numero amico” ed uno “Sportello del diritto” sono attivi da ieri per offrire consulenze gratuite e per l'espletamento delle pratiche relative al riconoscimento dell'invalidità civile.

L'amministrazione comunale ha messo a disposizione un ufficio a piano terra, sito presso palazzo Siano, sede centrale del Municipio, con apertura al pubblico prevista nei giorni: lunedì e mercoledì dalle ore 15:00 alle 20:00 ed il venerdì dalle ore 15:00 alle 17:00. Gli interessati ed impossibilitati a recarsi allo sportello possono chiamare il numero amico 081-8930240.

 

IL BIBLIOTECARIO P. DOMENICO SPADAFORA O.P AVVISA

LA CITTADINANZA ED I FEDELI CHE

LA BIBLIOTECA DEL SANTUARIO DI MADONNA DELL'ARCO

E' STATA RIAPERTA IN UNA SALA DEL CHIOSTRO DEL CONVENTO.

E' CONSULTABILE NELLA GIORNATA DI MERCOLEDI' CON I SEGUENTI ORARI:

Mattina  9.00 - 13.00

Pomeriggio  15.00 - 19.00

GP/

Sant’Anastasia – CIE 3.0 attiva a Sant’Anastasia. L’Ufficio Anagrafe dell’Ente è abilitato e pronto al rilascio della Carta di Identità elettronica (CIE), rientrando così tra i primi comuni vesuviani ad aver realizzato nei tempi previsti il progetto di modernizzazione della P.A., in linea con le norme ed il programma governativo ed europeo.

La Carta di identità elettronica è l’evoluzione del documento cartaceo di identità ed è destinata a sostituirlo come unico strumento di autenticazione nell’era attuale dell’Amministrazione digitale e di accesso ai servizi erogati via web dall’Italia.

Dopo anni di sperimentazioni - dal 2010 al 2014 – è nata nel 2015 la CIE 3.0, prodotta e spedita dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato in dimensioni simili ad una carta di credito, con un supporto in policarbonato che, mediante la tecnica del laser, riporta, oltre la foto del soggetto, tutti i suoi dati personali, comprese le impronte digitali, protetti da un microcip.

Oltre ai servizi nazionali offerti dalle Pubbliche Amministrazioni, la CIE, contrassegnata da un numero seriale stampato sul fronte in alto a destra - numero unico nazionale – è valida sia in Europa che all’estero per comprovare in modo certo l’identità del titolare.

Il personale coinvolto nel progetto CIE (Carolina Toscano, responsabile del procedimento, Nino Rossi e Sebastiano Coppola, operatori, nonché Anna Teresa Merone)  diretto dal Responsabile dei Servizi Demografici, Giuseppe Piscopo - che si è avvalso per la parte informatica della collaborazione dei colleghi Franco Piccolo e Pasquale Perna - è stato appositamente abilitato e formato sia all'utilizzo delle smart card operatore (SCO) necessarie per accedere al sistema informatico nazionale, sia alle procedure per il rilascio CIE.   

Con l’emissione della nuova carta di identità elettronica siamo tra le Amministrazioni più avanzate nell’ottica delle moderne tecniche di collegamento Cittadini-Ente. Già da lunedì prossimo l’Ufficio Anagrafe è in grado di dare la possibilità a tutti di dire addio alla vecchia carta di identità cartacea in scadenza e munirsi di quella elettronica - dice il sindaco Lello Abete che è il presente ed il futuro di noi cittadini europei. La CIE è un altro passo avanti nell’informatizzazione dei servizi, che abbiamo implementato per avvicinarci ai cittadini ed ai giovani, fra i più numerosi ad avere dimestichezza col web e le tecniche moderne. Ringrazio il Responsabile dei servizi Demografici ed i suoi collaboratori del CED e dell’anagrafe, per aver raggiunto un così importante obiettivo nei tempi previsti dal progetto nazionale, che pone Sant’Anastasia tra i primi comuni vesuviani abilitati al rilascio della CIE”.

G.P. - direttore

STRUTTURA AD HOC A SUPPORTO DEGLI ENTI IMPEGNATI

di: Comunicato stampa GORI - Al fine di supportare le attività di spegnimento degli incendi che purtroppo stanno interessando diverse aree del territorio campano ed in particolare l’area del Vesuvio, GORI sta fornendo massimo supporto agli enti impegnati in prima linea (Protezione Civile, Vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine e Amministrazioni comunali), grazie ad una struttura interna che prevede l’impiego sul campo di oltre 50 tra tecnici e operai impegnati al momento nei Comuni di Torre del Greco, Trecase, Ercolano, San Sebastiano al Vesuvio, Massa di Somma, Boscotrecase, Terzigno, Ottaviano e Pollena Trocchia.

Lo stato di emergenza rende necessaria la realizzazione di punti di prelievo dell’acqua straordinari ed improvvisi nella zona della cinta alta del Vesuvio, in particolare dove le fiamme sono più vicine ai centri abitati, utili sia per lo spegnimento degli incendi che per il lavaggio delle strade, necessario per evitare il propagare delle fiamme.

L’azienda sta inoltre provvedendo all’invio di autobotti nei luoghi di maggiore criticità ed ha fornito bocche antincendio per consentire il proseguimento degli spegnimenti del fuoco da terra nelle ore notturne, durante le soste dei canadair. I tecnici GORI stanno supportando allo stesso tempo anche i Comuni di Corbara e Vico Equense, alle prese con un altro fronte di incendio.

E’ un’azione doverosa dalla quale non ci tiriamo indietro, anche perché la tutela dell’ambiente è uno dei nostri principali obbiettivi, ma qui c’è ancor di più perché in gioco ci sono vite umane, fabbricati coltivazioni - spiega il presidente di GORI, Michele Di Natale. Proseguiremo la sinergia con tutti i soggetti preposti, ai quali diamo atto di un impegno straordinario, fino al termine dello stato di emergenza” 

Seguiamo con la massima attenzione l’evoluzione dell’emergenza, sperando che sia risolta nel più breve tempo possibile – conclude l’amministratore delegato Claudio Cosentino. Abbiamo deciso di costituire una struttura interna dedicata alla problematica incendi al fine di avere la massima tempestività ed efficacia nelle azioni di supporto ai soggetti impegnati in prima linea nelle attività di spegnimento”.  

Giuseppe Piscopo - direttore